Midrange Druid: Aggrare l’Avversario

Tradotto da Hivemindless.

Scritto da Noodle.

Con l’introduzione del formato standard, probabilmente il Midrange Druid subirà un ritocchino. Lo penso perchè è da più di due anni che è un mazzo competitivo, non ha mai subito variazioni significative e ovviamente grazie alla cara vecchia combo. Eppure anche dopo così tanto tempo, la maggior parte delle persone non capiscono questo mazzo. Ho cominciato a giocarlo sin dall’inizio e oramai è uno tra i miei favoriti.

Come dicevo poco fa, il numero di persone che vede Midrange Druid come qualcosa di diverso da un mazzo aggro è sconcertante. Posso usare una sola mano per conare il numero di volte che ho visto il [Druid od the Claw] scendere con carica negli ultimi sei mesi. C’è chi afferma che dato che ogni tanto il mazzo ha un minion con provocazione con 10 in difesa, allora non si può dire che Midrange Druid sia davvero un mazzo aggro. I giocatori hanno incluso Sylvanas Windrunner nelle loro 30 dal 2014 e solo ora si stanno rendendo conto di quanto stavano sbagliando. I mazzi aggro in Hearthstone non necessitano per forza di una curva bassa. Non è necessario che giochino Leper Gnome e Knife Juggler. Aggiungere questi ultimi renderà sicuramente il mazzo più aggressivo, ma non sono le uniche cose che fanno di un mazzo un “aggro”.

Midrange Druid ha un piano molto chiaro: Usare Wild Growth e Innervate per accellerare, colpire la faccia dell’avversario e chiudere la partita con la combo a nove mana. Questo è evidentemente un piano aggressivo. Se tutto va come deve andare, la partita sarà finita entro l’ottavo turno. Questo è il percorso da seguire nella maggior parte dei matchup. Druid ha un obbiettivo: scombarti in faccia per chiudere. E’ l’esistenza stessa di questa combo che permette a Druid di avere un così grande numero di matchup favorevoli, e questo è anche il motivo per il quale non ci sono matchup impossibili da portare a casa. Quando scurva in modo perfetto non c’è un mazzo in Hearthstone capace di competere.

Un esempio della natura aggressiva del Druid è la scelta di deckbuilding di Archon Amnesiac. Prima dell’uscita di TGT, in alcune iterazioni del mazzo è stata inclusa persino Stranglethorn Tiger. Ha raggiunto la prima posizione nel server diverse volte con la sua lista. Stranglethorn Tiger non è una carta che si vede spesso ad alti livelli. La ragione per la quale Archon Amnesiac ha incluso questa carta in alcune delle sue liste è semplice: investi 5 mana in un minion che nel turno successivo farà 5 danni in faccia all’avversario. Questo non è abbastanza nella maggior parte dei mazzi, ma in Druid, 5 danni sono molto di più di quello che sembrano. La maggior parte dei mazzi in Hearthstone necessitano di fare 30 danni all’avversario per vincere la partita. Druid, invece, necessita solo di 16 danni. Questo, ovviamente, grazie all’esistenza stessa della combo Force of Nature + Savage Roar, capace di generare 14 dal nulla. Il 21 Gennaio di quest’anno, Archon Amnesiac era nella top 100 legend del server NA con un mazzo Druid comprendente due Stranglethorn Tiger.

Alcuni non sono d’accordo sul fatto che Druid sia un mazzo aggro dato che diversi minion con provocazione popolano le liste più comuni. Ancient of War e Sludge Belcher sono spesso inclusi nelle migliori liste di Druid. In qualsiasi altro mazzo di Hearthstone questi due minion sarebbero considerati “muri” per giocare meglio difensivamente. Non è così per quanto riguarda Druid. Sludge Belcher è una carta che spesso obbliga l’avversario a usare male le proprie risorse e a volte addirittura inizieremo il turno con lo slime 1/2 il turno successivo. Lo stesso vale per Ancient of War, i 10 punti in difesa permettono al resto del nostro board di rimanere intoccato mentre il nostro avversario utilizzerà tutte le sue risorse per eliminare questo enorme muro. E’ molto complicato per l’avversario riuscire a mantenere un totale di punti vita alto per rimanere aldifuori del range di danni della combo mentre avete anche solo un minion in gioco. Ecco perchè la dritta numero uno che si dà alla gente che chiede come fare a battere Druid è “tieni pulito il board”. Il vantaggio principale di queste carte è quello di tenerti in vita contro aggro fino ad avere la combo in mano o il mana necessario per giocarla. Questo è il motivo per il quale questi minion, per loro natura difensivi, rappresentano un ottimo supporto al game plan del Druid.

Screen Shot 2016-02-21 at 4.37.26 PM

Ecco un esempio di Ancient of War utilizzato come strumento aggressivo. Questo era il Grand Final of the Curse Trials e vedeva Thijs contro Savjz. Thijs è conosciuto come gran giocatore di druido e in questo turno ce lo mostra. La giocata più ovvia alla quale anche i commentatori hanno pensato era quella di usare Azure Drake e Wrath per fare due danni all'Emperor Thaurissan, pescare due carte e tradare con Earthen Ring Farseer per ottenere il controllo del board. Questa giocata non è la migliore però.

Screen Shot 2016-02-21 at 4.38.19 PM

Thijs invece ha scelto una linea più aggressiva. Ha scelto di giocare Ancient of War e attaccare con Earthen Ring Farseer in faccia piuttosto che uccidere Emperor Thaurissan. Questa giocata ha messo Savjz in una posizione difficile: non può permettersi di utilizzare la sua Force of Nature per uccidere l'[Acient of War] perchè altrimenti perderebbe la possibilità di minacciare la combo e giocherebbe in svantaggio per il resto della partita. Si trova obbligato a lasciare vivo l'Ancient of War, uccidere Earthen Ring Farseer con Living Roots, giocare Sylvanas Windrunner e passare il turno. Questo permette a Thijs di vincere grazie a una combo scontata dall’imperatore.

Screen Shot 2016-02-21 at 4.38.47 PM

Qui, Thijs porta a casa la partita dopo aver visto una linea di gioco aggressiva che lo porterà a chiudere in due turni invece che giocare più prudentemente mantenendo il controllo del board. Se Thijs avesse optato diversamente, avrebbe tolto pressione a Savjz, permettendogli di riconquistare il controllo del board con Sylvanas Windrunner e stallare fino a pescare il suo Savage Roar

Una carta che non si adatta al piano di Druid Midrange è proprio Sylvanas Windrunner, anche se i giocatori hanno continuato a giocarla sin dalla nascita dei questo mazzo. Il fatto che il  mazzo si chiami “Midrange” Druid non significa che Sylvanas Windrunner sia la carta giusta, per quanto possa essere una carta fantastica, il suo posto è altrove. Questo è il motivo per il quale questo mazzo non è un midrange come invece è Midrange Paladin. Quest’ultimo, focalizza il suo piano sul controllo del board e sull’esaurire le risorse avversarie con la qualità. Druido invece, vince spaccando la faccia all’avversario. Non giocheresti  mai Sylvanas Windrunner in Midrange Hunter, no? Quando al turno 6 giochi questa carta, non stai facendo nulla di attivo per chiudere la partita. In un mazzo che vuole chiudere la partita appena raggiunti i nove mana, non c’è tempo per cazzeggiare.

In altre parole, Midrange Druid è un mazzo che, come altri mazzi Hunter, è aggressivo per sua natura. Non giocherà Knife Juggler o spari, la curva è sicuramente più alta, ma tutto ciò non cambia che il mazzo è, fondamentalmente, aggressivo. Non riesco a comprendere il fatto che la gente abbia impiegato due anni per rendersi conto che Sylvanas Windrunner non faceva parte del piano. Capire come gioca un mazzo è il primo passo fondamentale  per riuscire a diventare esperti giocatori.

Questo giocate questo mazzo, l’obbiettivo principale è ritrovarsi nella posizione dell’aggressore. Dovreste essere in grado di minacciare una combo letale ogni turno a partita inoltrata, anche nel caso la vostra mano ne fosse sprovvista. Gli avversari devono avere paura anche solo della possibilità che questo avvenga e spesso, la sola minaccia è tanto forte quanto la combo stessa. Ricordate Druid of the Claw ha più di una forma. Rimarrete sorpresi quanto spesso quei quattro danni con carica facciano la differenza.

 

Screen Shot 2016-02-18 at 7.04.49 PM

Questa è la lista con la quale Archon Amnesiac ha fatto top 100 legend a Gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *